La lezione spagnola: in Europa la crescita è per i pochi

Nel nostro collettivo c’è anche spazio per un economista spagnolo: ecco un contributo che ci aiuta a fotografare la situazione economico-politica del suo Paese. Nel mese di ottobre, per un paio di settimane, i media italiani hanno messo al centro dell’attenzione la nascitura manovra finanziaria del governo spagnolo. La genesi e la composizione di quest’ultimo…

I dazi di Trump, ovvero il protezionismo al servizio dei profitti

Osservando la ‘guerra dei dazi’ dalla sponda ovest dell’Atlantico è ragionevole aspettarsi che, grazie all’introduzione di misure protezionistiche, le imprese statunitensi trarranno un qualche vantaggio in termini di quote di mercato e profitto. Resta tuttavia da chiarire se, con la conseguente crescita della produzione delle imprese nord-americane, anche i lavoratori statunitensi avranno o meno dei…

Il modello tedesco che ci impone l’Europa è disoccupazione e precarietà

La crisi attuale ci viene spesso spiegata come l’inevitabile esito della nostra incapacità di adottare un modello di sviluppo moderno e vincente: il modello tedesco. L’Europa viene rappresentata come divisa tra un “centro” dinamico e vitale, capitanato dalla Germania, che costituisce la locomotiva della crescita e l’avanguardia dello sviluppo economico, ed una “periferia” inefficiente e…