Il Governo c’è già: il Fondo Monetario Internazionale modella l’Italia che sarà

shining

Viviamo giorni concitati, caratterizzati da notizie contrastanti in merito a possibili future maggioranze di Governo. A seconda degli scenari considerati più plausibili, si fa anche – nel tempo rubato a parlare di presidenti della Camera in autobus e degli ultimi rantoli del PD – un gran discutere sui programmi delle diverse forze politiche, per cercare di capire quale potrebbe essere il punto di caduta di eventuali compromessi. Grande è la confusione sotto il cielo. La situazione è dunque, dati i limiti in cui ci muoviamo ed i tempi grigi in cui viviamo, potenzialmente eccellente.

Purtroppo, qualcuno sembra avere le idee piuttosto chiare su come l’Italia debba essere governata. Tre recentissimi studi (questo, questo e questo) del Fondo Monetario Internazionale (FMI), fatti uscire non casualmente meno di due settimane dopo le elezioni, dettano infatti un’agenda piuttosto dettagliata di misure che l’Italia, per il suo bene ovviamente, dovrebbe affrettarsi ad adottare. In maniera non sorprendente, i titoli dei tre contributi del FMI trasudano positività e parole rassicuranti: competitività, una riforma fiscale “pro-crescita”, i benefici delle riforme. In maniera ugualmente non sorprendente, i contenuti dei tre contributi delineano invece un panorama da incubo, fatto di dosi massicce di tutte le politiche che hanno causato la crisi. Se si trattasse di opere letterarie, potremmo pensare ad uno scenario volutamente distopico ed esagerato, un paradosso dipinto a tinte forti per mettere in guardia il lettore dai pericoli certi di abbracciare ancora l’austerità. Si tratta invece, sfortunatamente, della realtà, così come l’immaginano le solerti istituzioni transnazionali, una realtà che viene poi abitualmente imposta a forza a Paesi ufficialmente sovrani. Diventa quindi importante cercare di analizzare brevemente la sostanza delle misure “raccomandate” dal FMI e soprattutto la loro estrema pericolosità.

Il primo studio, “Italia: verso una riforma fiscale  pro-crescita”, è probabilmente il più insidioso poiché parte da una premessa di apparente buon senso e ragionevolezza: in Italia lo Stato non spende abbastanza in educazione; inoltre l’investimento pubblico non è sufficiente e, sorpresa delle sorprese, il numero dei dipendenti pubblici è in proporzione minore rispetto alla media dell’area Euro. Non possiamo che essere d’accordo e siamo convinti che una ripresa dell’economia del nostro Paese necessariamente debba passare per un deciso piano di spesa pubblica. Tuttavia, la storia che ci racconta l’FMI non è affatto questa e la truffa della scarsità torna ancora una volta a colpire: dato che non ci sono le risorse e che siamo degli spendaccioni, per poter fare (un po’) di spesa in educazione è necessario tagliare (molta) spesa sociale, ed in particolare le pensioni. La drastica diminuzione della spesa sociale è addirittura qualificata come “inevitabile”. Nel dettaglio, il pacchetto di misure proposto nelle simulazioni del FMI prevede un consolidamento fiscale, che tradotto vuole dire un taglio della spesa pubblica, di dimensioni uguali al 2% del PIL, da effettuarsi per quattro anni: stiamo parlando di più di 30 miliardi di euro. Fondamentalmente si tratta di aumentare di poco l’investimento, tagliare di molto le pensioni e “razionalizzare” (altro termine odioso usato per dissimulare la natura di taglio) la spesa sanitaria. L’obiettivo che si vorrebbe perseguire con queste misure è quello di mettere in sicurezza i conti pubblici, ridurre le vulnerabilità, supportare la ripresa ed al contempo stimolare una crescita economica che per giunta sia anche inclusiva. Sappiamo che misure di austerità di tale fattura, indipendentemente dalle odiose conseguenze sociali che producono, non servono affatto a contenere il debito pubblico di un paese, ma che al contrario possono solo aggravare la situazione esistente. Il FMI sembra esplicitamente ignorare la realtà degli ultimi anni: l’Italia è stata negli ultimi anni particolarmente disciplinata nella gestione dei suoi conti pubblici, comprimendo in maniera selvaggia la propria spesa pubblica e generando ripetuti avanzi di bilancio allo scopo di far diminuire il rapporto tra debito pubblico e PIL. Il risultato ottenuto è stato però esattamente l’opposto: il rapporto debito/PIL ha continuato a crescere poiché le misure di austerità hanno fatto diminuire il PIL più che proporzionalmente rispetto all’abbattimento del debito. Di fatto, zero piccioni con una fava: ci siamo imposti dei sacrifici ma gli stessi sacrifici hanno peggiorato il presunto problema che dovevano risolvere. Ora è forse giunto il momento di ammettere che il nostro problema sono quei sacrifici, e non il debito. Niente di nuovo sotto il sole, comunque: per scoprire queste verità, ai redattori di quello studio del FMI sarebbe sufficiente fare un po’ di ricerche sul sito stesso del FMI, dove potrebbero imbattersi in un autorevole studio che spiega come il consolidamento fiscale abbia effetti univocamente depressivi sull’economia.

Un altro aspetto paradossale salta agli occhi del lettore. Lo studio del FMI sostiene, come già detto, che un taglio delle pensioni sia una misura inevitabile. Per rafforzare il proprio argomento e mettere in guardia l’irresponsabile italiano dai pericoli che corre senza neanche rendersene conto, il Fondo Monetario Internazionale fa notare come le stime ed i calcoli effettuati dalle autorità italiane, secondo le quali i nostri conti previdenziali sono sostanzialmente sicuri e sostenibili (ci mancherebbe altro, verrebbe da dire, dopo i drastici tagli della legge Fornero e di tutte le riforme degli ultimi vent’anni), si basino su previsioni eccessivamente ottimistiche riguardo l’evoluzione futura del PIL italiano. Concretamente, il FMI ci dice: voi pensate di poter pagare queste pensioni anche in futuro perché avete delle aspettative eccessivamente positive in merito all’andamento della vostra economia. Ma vi sbagliate: se adottaste una prospettiva più realistica (e pessimista), vi accorgereste che non sarete in grado di fare fronte a queste munifiche elargizioni. Quindi, dovete tagliare, tagliare, tagliare!!! Ancora una volta, evidentemente, si dimentica però che questi tagli deprimerebbero ulteriormente le prospettive di crescita per l’Italia, aggravando quindi e non aiutando la sostenibilità di qualsivoglia sentiero di spesa pensionistica.

Per concludere in bellezza, il FMI ci suggerisce altri due canali tramite cui portare avanti il massacro sociale. Secondo loro dovremmo diminuire la quota di contributi sociali (per pensioni, malattia e maternità) a carico dei datori di lavoro ed aumentare quella a carico dei lavoratori. Dietro la dichiarata intenzione di ridurre il costo del lavoro ed il cuneo fiscale ed aumentare la competitività del Paese, questa proposta sembra dettata semplicemente da odio di classe: dato che i contributi sociali sono una forma di salario indiretto – ossia soldi che in un modo (pensione) o in un altro (maternità o malattia) finiscono nelle tasche del lavoratore – la proposta del FMI di ridurre il contributo pagato dai datori di lavoro non è altro che una redistribuzione di risorse dai salari ai profitti. Infine, dovremmo aumentare l’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), il classico esempio di imposta indiretta che, tassando i consumi, colpisce a pioggia senza discriminare il povero dal ricco, in barba ad ogni principio di equità e dunque di progressività dell’imposizione fiscale.

Un’applicazione anche solo parziale del pacchetto di misure che abbiamo qui brevemente descritto sarebbe incredibilmente pericoloso e recessivo per l’economia del nostro Paese. Tuttavia, questo è solamente l’inizio, le prime righe del programma di un Governo che nessuno ha eletto ma che sta lavorando alacremente per modellare l’Italia di domani. Come abbiamo imparato a capire, purtroppo, si può sempre e comunque fare di peggio. Gli altri due studi del Fondo Monetario Internazionale delineano ulteriori provvedimenti che assomigliano molto ad un colpo di grazia. Ne parleremo prossimamente.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...