Ichino, Boeri e il paese della cuccagna

ichbo

Da ormai un decennio viviamo i postumi di una massacrante crisi economica e finanziaria che ha lasciato strascichi incommensurabili. Il nostro paese, come l’intera periferia europea (e ormai anche le aree più ricche del continente), è investito da una crisi di portata storica: disoccupazione a due cifre, salari da fame, precarietà del lavoro, carenza di servizi pubblici e di adeguati ammortizzatori sociali. In questo scenario drammatico, tuttavia, emergono delle disparità territoriali che mostrano tutte le contraddizioni del sistema economico in cui viviamo. Nel caso dell’Italia, ad esempio, la disoccupazione al Sud si attesta al 18%, coinvolgendo circa 1 milione e mezzo di persone. Niente di comparabile a ciò che accade al Centro e al Nord dove, sebbene sostenuta, la disoccupazione si ‘ferma’ rispettivamente al 9 e al 7 percento. Stesso discorso qualora facessimo riferimento al reddito pro-capite: è infatti rilevante la forbice che esiste tra i circa 18mila euro medi della Calabria (la regione più povera) e i 38mila della Lombardia. Questo lo spaccato di un paese in cui la crisi e le successive politiche di austerità in ossequio ai vincoli europei hanno ampliato i differenziali tra individui residenti in diverse regioni, e, da Siracusa a Bolzano, fatto impennare disuguaglianza e disoccupazione.

Un paese diviso in due, quindi, che a qualcuno ha ricordato la storica divisione tra Germania Est e Ovest. Stiamo parlando di Pietro Ichino e Tito Boeri, due personaggi che hanno spesso fatto capolino tra le pagine del nostro blog, mai per prendersi complimenti. Ci raccontano, i due economisti, che Italia e Germania presentano simili caratteristiche in termini di divisione territoriale: in Italia, la produttività del lavoro è più alta al Nord che al Sud, così come accade in Germania, con l’Ovest più produttivo dell’Est. Tuttavia, nella ‘moderna’ Germania opererebbe un meccanismo di contrattazione decentralizzata – l’esatto contrario della contrattazione collettiva, che Ichino bollina come perversa – che permetterebbe di ‘allineare’ i salari alla produttività del lavoro, così da rendere più efficiente il processo di allocazione delle risorse e, magicamente, favorire la crescita economica. Detta così sembra una questione maledettamente tecnica (e potenzialmente di buone speranze), ma ricostruiamo l’Ichino-Boeri pensiero per capire che, purtroppo, le cose stanno peggio di quello che sembrano. Ichino & Boeri partono da due constatazioni. In prima battuta, dal loro punto di vista ad oggi in Italia esiste un’uguaglianza nominale dei salari tra Nord e Sud potenzialmente dannosa: lo stipendio di un insegnante, quantificato come euro in busta paga, è lo stesso tra Nord e Sud, ma l’insegnante del Sud ha un potere di acquisto maggiore rispetto al suo omologo del Nord perché al Sud la vita costa meno – dice Ichino che un insegnante di scuola elementare guadagna in termini reali il 32% in meno a Milano rispetto a Ragusa… In secondo luogo, al Sud i salari sarebbero, sempre stando all’Ichino-Boeri pensiero, troppo alti rispetto alla produttività: in proporzione ai loro colleghi del Nord, i lavoratori del Sud si approprierebbero di una fetta più grande di quella che gli spetterebbe, contribuendo così a determinare l’alta disoccupazione in quanto tutto ciò incentiverebbe i padroni a cercare lavoratori in nero. L’occupazione non sarebbe, stando a questa impostazione, determinata dalla domanda di beni e servizi (e dunque, specialmente in tempi di vacche magre, dall’orientamento delle politiche fiscali e degli investimenti pubblici): piuttosto, la presenza di disoccupazione dipenderebbe da un livello del salario reale troppo elevato che scoraggerebbe le imprese ad assumere. Pertanto, ridurre i salari consentirebbe di ridurre anche la disoccupazione. È questa la logica che ha animato tutte le riforme liberiste del mercato del lavoro dell’ultimo trentennio: contenere i salari per aumentare l’occupazione, una strategia ampiamente smentita sia dal punto di vista teorico che empirico. Ma torniamo a noi, e vediamo dove vogliono andare a parere Boeri e Ichino.

La principale implicazione di policy del lavoro dei due economisti, afferma Ichino, sarebbe la seguente: “Se consentissimo che i salari si possano determinare (…) a livello di ciascuna azienda e senza restrizioni su base nazionale, il risultato sarebbe un aumento dell’occupazione al Sud”. Si stima, nello studio in questione, che l’effetto della decentralizzazione della contrattazione avrebbe un effetto positivo sull’occupazione del Sud del 13%, e, udite udite, un effetto positivo anche sulle retribuzioni (di circa 100 euro). Ma non dovevano scendere queste retribuzioni al sud…? Sembrerebbe, tutto sommato, la panacea di tutti i mali, e a riprova di ciò, i due alfieri del liberismo portano l’esempio della moderna Germania, in cui alla contrattazione collettiva è stata sostituita quella decentralizzata. All’indomani dell’unificazione, infatti, vennero uguagliate le retribuzioni nominali su tutto il territorio. Tuttavia, secondo Ichino, i tedeschi si accorsero che “questa soluzione aveva difetti gravi” (sic!). Fu allora che venne adottato un sistema di contrattazione salariale più flessibile con l’introduzione delle ‘clausole di apertura’: di fatto, con questa riforma si permetteva alle imprese e ai sindacati di trovare accordi a livello aziendale che potevano uscire dai binari dei contratti nazionali. Il risultato? Beh, per quanto i divari retributivi in Germania si siano allargati in termini nominali (vale a dire che un operaio della Germania dell’Est percepisce in busta paga meno marchi del suo omologo bavarese), nella prospettiva di Ichino & Boeri ciò avrebbe portato benefici ad entrambe le aree tedesche in quanto si sarebbero allineati quelli in termini reali, e questo avrebbe avuto effetti anche sugli stipendi pubblici (dice sempre Ichino che un insegnante tedesco guadagna in termini reali solo il 5% in più in Baviera rispetto alla Sassonia).

Ad Ichino fa eco proprio Boeri, il quale afferma, senza troppe giri di parole, che il profondo divario tra le regioni italiane ha una semplice spiegazione: rapportati ai prezzi e alla produttività, i salari sono troppo bassi al Nord e troppo alti al Sud, e ciò dipenderebbe dall’esistenza di una contrattazione collettiva su base nazionale. In sostanza, le stesse conclusioni a cui arriva il suo collega e coautore.

Un’Italia, dunque, dipinta come divisa in due sul piano territoriale con il solito obiettivo di mettere i lavoratori gli uni contro gli altri: giovani contro vecchi, precari contro ‘tutelati’, lavoratori del Nord contro lavoratori del Sud. Tutto, in barba alla realtà dei fatti, che ci racconta di una cronica emigrazione dal Sud al Nord del paese, dove gli standard di vita, le produzioni industriali e l’occupazione invece sono da sempre più alti.

Nessuna soluzione ‘progressista’ per uscire da questa situazione, quindi. Tutt’altro: l’esaltazione della contrattazione decentralizzata, delle logiche di mercato più spicciole al livello più basso possibile della partita distributiva. Ed ecco che, tanto per cambiare, la ricetta tedesca diventa buona anche per l’Italia: il Sud dovrebbe permetterebbe ai propri salari nominali di scendere, riallineandosi alla produttività e a livello dei prezzi. Così facendo, al Sud i salari in termini reali si ridurrebbero (in altri termini, ogni lavoratore vedrebbe diminuire il proprio potere d’acquisto) e le imprese delle aree più disagiate del paese sarebbero incentivate ad assumere lavoratori, contribuendo così a rilanciare occupazione e crescita economica. Come sarebbe possibile tutto ciò? Abolendo la contrattazione collettiva e lasciando che le retribuzioni siano determinate a livello aziendale, senza nessun ‘pavimento’ normativo o riferimento su base nazionale, frutto di anni di faticose lotte sindacali e operaie in cui si facevano le barricate per la difesa del lavoro e del salario. Così facendo dunque, i due economisti ci aiutano anche a gettare il velo che copre l’ipocrisia padronale e le proposte di politica economica che siamo abituati a sentire sbandierate su giornali e televisioni: diffondere la contrattazione aziendale, proposta spesso ammantata di tanti buoni propositi, non serve ad altro che ad indebolire il potere contrattuale dei lavoratori e favorire la riduzione dei salari. Ma, pur ammettendo che ciò avvenga, non è certo questo il viatico per aumentare l’occupazione.

Da un lato, recenti studi hanno dimostrato che i livelli salariali sono già inferiori al Sud di circa il 15-20% rispetto al Nord: reintrodurre le gabbie salariali pagando i lavoratori in base alla loro produttività su scala territoriale o aziendale non farebbe altro che aumentare questo differenziale, in quanto la produttività è già più bassa al Sud che al Nord, differenziale che riflette le diverse strutture produttive delle due aree del paese. Occorre inoltre precisare che, spostandoci appena al di fuori dallo schema più ortodosso di analisi economica, nessun economista si spinge a considerare la produttività del lavoro come esclusivamente dipendente dallo ‘sforzo’ del lavoratore, bensì una variabile connessa alle strategie di investimento delle imprese (se un’impresa investe in macchinari ad alto contenuto tecnologico, il lavoratore che li usa aumenterà il proprio prodotto per unità di tempo), del contesto in cui operano (presenza di strade, reti di comunicazione reali e informatiche, etc.) e da altri fattori di natura istituzionale. Questi elementi fanno sorgere un ulteriore problema di equità delle gabbie salariali: al Sud, tutti questi fattori (tecnologia, infrastrutture, etc.) latitano, contribuendo di fatto a frenare la crescita della produttività del lavoro.

Dall’altro, i servizi pubblici di cui un lavoratore del Sud dispone sono lungi dall’essere comparabili con quelli del Nord Italia. Se davvero vogliamo credere che le retribuzioni in termini reali siano più alte al Sud, la cronica mancanza di scuole, ospedali, strade e servizi di pubblica utilità non fa altro che peggiorare le condizioni materiali di un lavoratore del Mezzogiorno. In questa prospettiva, l’ultimo rapporto SVIMEZ, oltre a presentare un quadro esaustivo dei differenziali economici e sociali tra Nord e Sud, insiste sul fatto che lo Stato sia sistematicamente investendo meno nel meridione rispetto alle altre aree del paese (per il 2018 si calcolano 3.5 miliardi di investimenti in meno rispetto alle aree più ricche), contribuendo in questo modo ad aprire il divario con il Nord. Infine, in barba alla storiella dei ‘salari troppo alti’ al Sud, proprio nel rapporto SVIMEZ si indica che nel 2018 i consumi, sebbene stagnanti in tutto il Paese, sono cresciuti meno al Sud che al Nord (+0,2 contro il +0,7 nel resto del Paese), con il Mezzogiorno ancora al di sotto di 9 punti percentuali rispetto al livello di consumi del 2008, ad ulteriore conferma dell’anemica dinamica salariale. Del resto, viene da chiedersi perché se al Sud si sta così meglio e si percepiscono salari tanto più alti rispetto al Nord, i lavoratori del nord, ivi compresi Ichino e Boeri, non decidano di trasferirsi a Caltanissetta…

Ecco che allora la proposta dei due economisti, se spogliata dai tecnicismi di un’economia fintamente neutrale e dalla retorica dell’ammodernamento del Sud Italia, si presenta in tutta la sua veste demagogica e classista verso gli ultimi: siete meno produttivi, dovete pretendere di meno. È la frusta del padrone, il cui effetto sarebbe esacerbato, nella prospettiva di Ichino e Boeri, su scala aziendale.

Ma se ridurre i salari è il vero scopo dei due economisti, questo certo non servirebbe a risolvere la questione economica del Sud e in genere di tutto il paese. Quello che invece servirebbe per combattere disoccupazione e povertà (specialmente al Sud) è un intervento dello Stato in termini di sostegno diretto agli investimenti e all’occupazione, e una decisa politica di sostegno ai salari, invece che ridurli, che aiuterebbe a modificare la distribuzione iniqua del reddito e a dare sostegno alla domanda aggregata. Politiche incompatibili, quando non espressamente vietate, con l’assetto istituzionale dell’Unione Europea.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...