Autonomia differenziata: il sud nella trappola dell’austerità

differenziata

Si discute molto, in questi giorni, della cosiddetta autonomia differenziata. Quest’ultima dovrebbe rappresentare il fiore all’occhiello dell’avventura leghista al governo con il Movimento 5 Stelle. Al momento (e questa dovrebbe essere una buona notizia, come vedremo a breve), il governo giallo-verde sembra non riuscire a trovare la quadra sull’argomento. Ciò avviene, questo è certo, non per le preoccupazioni del Movimento 5 Stelle sulla tenuta dell’unità nazionale o sul destino dei cittadini del Mezzogiorno, ma semplicemente per il tornaconto elettorale di un movimento politico che ha tratto gran parte del suo consenso dalle regioni del Sud e che, adesso, una volta che il bluff giallo-verde è stato svelato, sta assistendo a un inesorabile smottamento nella sua popolarità proprio in quelle regioni che ne avevano favorito l’ascesa. La riforma, però, sembra soltanto rinviata, probabilmente a dopo le imminenti elezioni europee. Vale, dunque, la pena di soffermarsi sulla questione, allo scopo di metterne in luce i contenuti e le implicazioni.

Prima di tutto, dobbiamo chiederci cosa sia l’autonomia differenziata. In generale, è possibile asserire che lo Stato tassa i cittadini e ‘accentra’ la quasi totalità delle risorse: in altre parole, le tasse pagate dai cittadini finiscono quasi integralmente all’erario, ossia nelle casse dello Stato. L’autonomia differenziata romperebbe questo meccanismo, permettendo ad enti più periferici, come le Regioni, di trattenere una quota rilevante (più o meno elevata a seconda della portata dell’eventuale riforma, ma comunque maggiore di quella attuale, davvero minima) delle tasse pagate dai cittadini.

Per comprendere al meglio gli aspetti normativi di questo concetto, occorre, inoltre, ricorrere ad un noioso (ma breve) excursus nel campo del diritto costituzionale. L’istituto dell’autonomia differenziata (o rafforzata) è previsto esplicitamente dalla Costituzione, così come modificata dalla riforma del titolo V del 2001 (la legge costituzionale 3/2001, proposta nel 1999 dall’allora Presidente del Consiglio D’Alema e da Amato, all’epoca Ministro per le riforme istituzionali). L’articolo 116 della Costituzione risultante da tale riforma, recita, al terzo comma:

«Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui al terzo comma dell’articolo 117 [ovvero quelle in cui lo Stato e le Regioni esercitano la cosiddetta legislazione concorrente, NdR] possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato, su iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all’articolo 119. La legge è approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di intesa fra lo Stato e la Regione interessate».

Le materie in questione sono le più svariate (qui quelle di legislazione concorrente). Ne riportiamo soltanto alcune: tutela e sicurezza del lavoro, istruzione, ricerca, salute, protezione civile, porti e aeroporti civili, grandi reti di trasporto, previdenza complementare e integrativa, beni culturali.

Ciò a cui stiamo assistendo è, dunque, l’applicazione concreta dell’articolo 116. Tre Regioni, infatti, ovvero Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, hanno formalmente iniziato, a seguito, in alcuni casi, di referendum consultivi, l’iter per l’ottenimento delle ulteriori forme di autonomia di cui sopra. In altre parole, hanno iniziato a trattare, prima con il governo Gentiloni (le cosiddette pre-intese del febbraio 2018) e, successivamente, con il governo Conte, i contenuti delle intese che dovranno essere sottoposte al vaglio delle Camere.

Allo stato attuale, è molto difficile dire in cosa consisteranno tali intese. Esse, infatti, non sono ancora pubbliche e, per molti aspetti, non sono state ancora definite. Le bozze che circolano, non definitive, possono cambiare da un giorno all’altro in base alla trattativa in corso. Sorvoliamo, qui, sulla particolare procedura prevista per l’esame di queste intese da parte delle Camere, le quali, secondo l’interpretazione più diffusa, potranno semplicemente accettare o rifiutare in blocco le intese, senza la possibilità di emendarle, come invece accadrebbe con un normale disegno di legge (una garanzia, a dire il vero, alquanto priva di significato date le intenzioni della maggioranza e la malleabilità dei grillini).

Su alcuni aspetti, però, si può già dire qualcosa. L’attuazione delle intese implicherà un trasferimento di risorse economiche dallo Stato alle Regioni che otterranno l’autonomia rafforzata (vedi, al riguardo, anche il saggio di Gianfranco Viesti, Verso la secessione dei Ricchi?, scaricabile gratuitamente). Dalle bozze che circolano attualmente, in realtà, è impossibile quantificare con sufficiente precisione le risorse che saranno trasferite alle Regioni. Non sono chiare le materie che saranno oggetto di decentramento rafforzato, né quali saranno i criteri attraverso i quali le risorse economiche saranno assegnate. Quel che è certo, però, è, da un lato, che le Regioni non si limiteranno a chiedere quanto necessario per l’espletamento delle funzioni che saranno decentrate (per capire le intenzioni delle regioni, soprattutto di Lombardia e Veneto, basti pensare che in un referendum, poi ritenuto illegittimo e, per questo, mai tenutosi, il Veneto faceva richiesta del 90% del gettito maturato nella regione). Dall’altro, è certo che il trasferimento in questione provocherà una riduzione del gettito fiscale per lo Stato, che dovrà intervenire tagliando la spesa delle amministrazioni centrali o quella che effettua nelle altre regioni. E questo avverrà per la ragione che la ministra leghista per le autonomie regionali, Erika Stefani, assurdamente adduce per spiegare che le risorse non saranno sottratte alle altre regioni: l’inserimento della cosiddetta clausola di invarianza finanziaria. Quest’ultima prevede che le intese non debbano comportare nuovi o maggiori oneri per le finanze pubbliche. In altri termini, vuol dire che ciò che lo Stato perderà, in termini di gettito, per l’implementazione dell’autonomia differenziata, dovrà recuperarlo attraverso una riduzione della spesa pubblica. E ciò in ottemperanza alle previsioni dei trattati europei, che prevedono la possibilità dell’inserimento in Costituzione del pareggio di bilancio (il famoso articolo 81, così come modificato nel 2012).

In altri termini, le tre regioni in questione (e le altre che richiederanno l’autonomia), che sono, non a caso, tra quelle più ricche, ed essendo le tasse proporzionali al reddito anche quelle con i più alti gettiti fiscali, vogliono tenere per sé gran parte di tale gettito. Ma questo significa l’inasprimento di un processo già in corso, volto a ridurre sempre di più l’intervento dello Stato nell’economia. E questo in totale contrasto con ciò che è richiesto nelle aree economicamente depresse, ovvero un pesante intervento dello Stato, anche in deficit, per il sostegno alla domanda aggregata e, dunque, al reddito di tali aree. In contrasto con esigenze redistributive ed espansive della spesa pubblica, dunque, ma in ossequio a quelle di quello che rappresenta lo zoccolo duro della Lega al nord: la grande e media borghesia che sempre di più vuole mano libera nelle regole che disciplinano il mercato del lavoro, il minor prelievo fiscale possibile e, se investimenti pubblici devono esserci, che siano localizzati nelle regioni dove esse operano e, possibilmente, pensati e implementati al loro servizio.

A ciò si aggiunga il fatto che se le regioni riusciranno a trattenere gran parte del proprio gettito e le funzioni che abbiamo citato tenderanno sempre di più a essere decentrate, è chiaro che i cittadini delle regioni più ricche potranno godere di servizi migliori rispetto ai cittadini di quelle economicamente svantaggiate. Un fenomeno non nuovo, certo, ma che andrà ad accentuarsi in misura sempre maggiore, anche ‘grazie’ ai trattati europei, che impongono vincoli stringenti sia per quel che riguarda la spesa pubblica in deficit, sia per quel che riguarda gli ambiti di intervento a sostegno di determinati territori (politica industriale, creazione di posti di lavoro, realizzazione delle infrastrutture necessarie).

Siamo circondati, dunque, dai bracci di una tenaglia: da un lato, l’austerità dei trattati, che impone dannosi freni all’espansione della spesa pubblica proprio laddove ce ne sarebbe più bisogno; dall’altro, la voracità dei capitalisti, rappresentati, in questo caso come in altri, dalla Lega, che hanno tutto l’interesse a vedersi tassare di meno, a concentrare le risorse pubbliche laddove sono necessarie ai propri interessi e ad avere a disposizione manodopera disperata e, per questo, a buon mercato. Un’ulteriore dimostrazione che dobbiamo rompere sia con la gabbia europea sia con la falsa alternativa del governo penta-leghista.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...